L’anello: contraccezione sicura come la pillola




L’ innovazione nella contraccezione ormonale: minipillola, micropillola, impianto sottocutaneo (bastoncino), iniezione mesi, spirale ormonale e anello vaginale.

La gamma di metodi nuovi e innovativi di controllo delle nascite è enorme. Dosi sempre più basse, applicazione sempre più facile, effetti collaterali sempre di meno con quasi il 100% di sicurezza.

Il metodo contraccettivo ormonale con anello vaginale è sicuro come la pillola, dal dosaggio più basso e garantisce un buon controllo del ciclo con minimi effetti collaterali e nessuna influenza sul peso corporeo. Ciò viene confermato dai risultati degli studi clinici su donne in tutto il mondo.

L’anello vaginale è un anello flessibile e trasparente con un diametro di 54 mm e uno spessore di 4 mm realizzato in Evatane (etilene vinil acetato, EVA), materiale utilizzato da anni in medicina. Non ha effetti allergenici e non ha nulla a che fare con il silicone.

L’ anello viene inserito nella vagina dalla donna stessa una volta al mese, lasciato lì per tre settimane e poi rimosso. Dopo un intervallo di una settimana senza anello (durante questa si ha il mestruo), viene inserito un nuovo anello vaginale. L’ anello rilascia in modo continuo e uniforme i due ormoni estrogeno e progestinico per un periodo di tre settimane con una riserva di sicurezza di 1 settimana, se venisse dimenticata la rimozione.

La novità di questo metodo è l’ assorbimento degli ormoni attraverso la mucosa vaginale. Questo crea un livello ematico basso ma costante che, come la pillola, impedisce l’ ovulazione. La dose degli ormoni può essere mantenuta bassa perchè viene assorbimenta localmente, mentre nel caso della pillola l’assorbimento attraverso il tratto gastrointestinale e la prima degradazione degli ormoni da parte del fegato richiedono una maggiore dose ormonale (cosiddetto “effetto di primo passaggio epatico”).

La minore quantità di ormoni previene i tipici effetti collaterali dose-dipendenti degli ormoni, il chè comporta una migliore tollerabilità:

– mancanza di influenza sul peso corporeo,

– meno effetti collaterali

– ottimo controllo del ciclo (nessun sanguinamento intermestruale).

La sicurezza è paragonabile alla pillola.

L’ anello vaginale viene semplicemente inserito dalla donna stessa e rimosso di nuovo dopo tre settimane. Non deve essere in una particolare posizione per essere efficace, è importante solo che sia completamente inserito in vagina, come un assorbente interno. Grazie alla sua flessibilità e all’ effetto “memoria” l’ anello si adatta perfettamente alla struttura anatomica della vagina. Per la sua posizione nei due terzi superiori della vagina, nella maggior parte dei casi non viene percepito neanche durante il rapporto, nè dalla donna nè dal partner.

Il ginecologo istruirà la paziente nella consultazione sull’ inserzione e sulla rimozione.

Copyright by Peterlentsch.it. All rights reserved.